Archivi tag: Eco-horror

Eco-Horror: Dark Age

Regia – Arch Nicholson (1987) Nel corso degli anni ’80, l’eco-horror è un filone che va gradualmente a morire, tranne che in un paese, l’Australia: ci torneremo spesso da quelle parti, parlando di horror a sfondo ecologicista e, dato che non stiamo procedendo in ordine cronologico, ma andiamo a sentimento, eccoci proprio verso la fine […]

Eco-Horror: Prophecy

Regia – John Frankenheimer (1979) Amo questo film di quell’amore assoluto e incondizionato che è tipico dei sentimenti proibiti e considerati sbagliati dal resto del mondo. E quindi è pure un amore molto ostinato, perché è dovuto passare attraverso una discreta quantità di prese per i fondelli di varia natura. Ma davvero ti piace quel […]

Eco-Horror: L’Ultima Onda

Regia – Peter Weir (1977) Vi avevo avvisati che ci saremmo dedicati a un film un po’ più impegnativo rispetto a Burning Bright, rispettabilissimo B movie, molto leggero e divertente. Oggi, invece, ci tocca soffrire con Peter Weir che, due anni dopo Picninc ad Hanging Rock, dirige un’altra opera tutta basata sull’impossibilità di comprendere e […]

Eco-Horror: Burning Bright

Regia – Carlos Brooks (2010) Vi avevo avvisati che il nostro viaggetto nell’eco-Horror avrebbe toccato ogni aspetto del filone, da quello più serioso, esistenziale e accurato nella messa in scena del nostro rapporto malato col pianeta che abitiamo, a quello più dichiaratamente “di genere”, che di solito verte sul sotto (tanto sotto) filone dei cosiddetti […]

Eco-Horror: Phase IV

Regia – Saul Bass (1974) L’eco-horror è un filone di non facilissima identificazione perché pieno di sfumature. Se la formula standard è quella della natura che, stanca di essere bullizzata da noi, ci dimostra quanto sia facile cancellarci dalla faccia della terra, come uno strato di sporco incrostato sui fornelli del gas, ciò può avvenire […]

5 Film da vedere se vi è piaciuto Silent Night

Questo giochino lo avevamo già fatto con Malignant, se vi ricordate. Dato che è divertente e fornisce tanti spunti di visione, ho pensato di ripeterlo quando mi capita un film che mi colpisce particolarmente. Affermare che Silent Night mi ha colpita è un eufemismo: mi è passato sopra come un treno. Se la stessa cosa […]