Paura & Delirio – Ep 11: The Fog

La prima novità è che abbiamo una sigla nuova di zecca che, d’ora in poi, aprirà ogni episodio, proprio come fanno i podcast seri; la seconda novità è che i due bassotti della mia vicina di casa, ribattezzati Paura & Delirio, ieri sera erano particolarmente nervosi e sono intervenuti più volte nel corso della registrazione; la terza, e più importante, è che questo è il nostro primo Carpenter e fa partire la serie di film scelti da voi per la rassegna marinara che durerà tutta l’estate.
Abbiamo scoperto, Davide e io, che The Fog è un film cui siamo entrambi molto affezionati e per questo ci siamo lanciati in ardite interpretazioni che lascio a voi il piacere di scoprire.
L’angolo della propaganda maoista è più forte che mai, per non parlare di quello della propaganda nazi-femminista.
Dedicato a Debra Hill.
Buon ascolto!

4 commenti

  1. notjustmovie · · Rispondi

    Come ho già detto sono fan, quindi vi ascolto a prescindere, figuriamoci quando parlate
    di Carpenter….speravo in una puntata dedicata a “Blu Profondo” ma forse l’ho votato solo io….

    1. L’ho votato anche io Blu Profondo 😦

  2. Giuseppe · · Rispondi

    Interessante la metafora quella “nascosta” nella fondazione di San Antonio Bay che rientrerebbe perfettamente nella poetica carpenteriana, così come altrettanto interessanti e curiose sono le fonti d’ispirazione di Zio John (bello l’aneddoto romantico 😉 ) riguardo a questo capolavoro firmato in coppia con una grande Debra Hill… e bella la tua analisi dei personaggi interpretati dalle due protagoniste principali Jamie Lee Curtis e Adrienne Barbeau. In una parola, bravi! 😊👍👏👏👏
    P.S. Oltre a de Ossorio e Hodgson, la caratterizzazione di Blake e i suoi mi ha fatto venire alla mente Francis Marion Crawford con “La cuccetta superiore”… e sì, il nome del personaggio di Houseman non può che rimandare a Arthur Machen 😉

  3. […] da Cinefilo; e per chiudere, ovviamente e sempre che non siano già stati nominati, il Zinefilo e Lucia. A parte, nominato speciale, aggiungo anche il buon Kasabake, che non è assolutamente tenuto ad […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: